Una start-up dell'EPFL vuole ripulire lo spazio

ClearSpace affronta i satelliti difettosi e la proliferazione dei detriti nello spazio. Con l’aiuto di Innosuisse, questa start-up dell’EPFL sta sviluppando una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale in grado di avvicinare e catturare questi residui. L’obiettivo è quello di renderlo un modello di business sostenibile a lungo termine.

Con quasi 2000 satelliti operativi e più di 3000 satelliti dismessi attualmente nello spazio, si pone la questione della spazzatura spaziale. Con l’usura, in caso di collisioni o esplosioni, questi oggetti si disintegrano in pezzi di diverse dimensioni. L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) stima che attualmente nello spazio ce ne siano più di 34’000 che misurano più di 10 cm.

Il momento giusto per agire
Circolando intorno alla Terra a una velocità di 28’000 km/h, questi oggetti si trasformano in proiettili che possono rappresentare una minaccia per le attività spaziali e gli astronauti. Questi detriti possono impiegare centinaia di anni, a seconda della loro orbita e della loro distanza, per uscire naturalmente dall’orbita o addirittura rimanere nello spazio a tempo indeterminato. «Sono quindi necessarie soluzioni per eliminare quelli che stanno arrivando alla fine della loro missione o che si rivelano difettosi», afferma Luc Piguet, CEO di ClearSpace.

Due anni di esistenza, ma dieci anni di esperienza
Creata all’inizio del 2018, la start-up è il risultato diretto della ricerca condotta dal 2010 presso il Centro Spaziale dell’EPFL. «Siamo venuti a conoscenza del problema dei detriti dopo il lancio del nano satellite SwissCube da parte dell’EPFL nel 2009. È stato lanciato attraverso un campo di detriti causato da una collisione tra due satelliti», spiega il CEO. «I dati trasmessi dall’Aeronautica militare degli Stati Uniti d’America ci ha avvertito di una possibile collisione tra il nostro satellite e i detriti nello spazio».

Alla fine del 2019, ClearSpace è stata selezionata per svolgere una missione diretta dall’ESA. Denominata ClearSpace-1, questa missione, prevista per il 2025, avrà lo scopo di rimuovere dallo spazio un oggetto divenuto inattivo, il Vespa Upper Part, un adattatore satellitare secondario per il lanciatore europeo Vega. I detriti sono diventati incontrollabili e stanno compiendo evoluzioni a circa 700 km dalla superficie terrestre.

ClearSpace_Innossuisse_web
ClearSpace

Innosuisse in orbita
Il progetto, della durata di un anno e sostenuto da Innosuisse, mira a sviluppare tecnologie per localizzare i detriti e la loro posizione. ClearSpace collabora con due partner di ricerca, l’EPFL e l’Università di Ingegneria e Management del Cantone di Vaud.

Questi team stanno sviluppando i vari sensori che saranno utilizzati dal cacciatore di detriti per orientarsi nello spazio. «Un radar rileverà i detriti fino a 1 km di distanza. Una telecamera prenderà poi il testimone per vedere gli ultimi metri», spiega Jean-Paul Kneib, astrofisico dell’EPFL. «Per catturare l’oggetto, non è solo necessario determinare la sua posizione, ma anche la sua rotazione nello spazio. All’EPFL, tre laboratori stanno lavorando attivamente su questi aspetti di visualizzazione utilizzando la modellazione numerica».

Il radar di rilevamento è stato progettato da ingegneri dell’Università di Ingegneria e Management del Cantone di Vaud. Per il responsabile del progetto, Dominique Bovey, partecipare a un progetto Innosuisse è vantaggioso a tutti i livelli: «Da un lato, mettiamo sul tavolo la nostra competenza nella tecnologia applicata e, dall’altro, acquisiamo molta esperienza per i progetti futuri».

«Il progetto Innosuisse ci permette di migliorare il livello di maturità tecnologica del nostro progetto», osserva Luc Piguet. «Mentre gli investitori sono spesso riluttanti a investire in questo settore, Innosuisse ha riposto fiducia in noi. Questo è importante, perché è necessario lavorare su queste tecnologie oggi per poter fornire un servizio adeguato all’industria spaziale quando ciò si rivelerà indispensabile».

Testo: Johanne Stettler

Ultima modifica 19.03.2020

Inizio pagina

https://www.innosuisse.ch/content/inno/it/home/resultateundwirkung/esempi-di-progetti/innovationsprojekte/clearspace.html