Anna-Beltzung-Dimpora

Il suo consiglio

«Noi donne dobbiamo filtrare di più quello che dicono gli altri e non prendere tutto troppo sul serio. Tutti alla fine cercano solo maggiore visibilità.»

Fondare un’azienda non è mai stato nei miei piani. Dopo aver studiato ingegneria chimica, in realtà volevo entrare nella ricerca applicata. Ho cercato lavoro, ma purtroppo è successo spesso che l’azienda a cui inviavo la mia candidatura non mi dava nemmeno conferma di averla ricevuta. Poi il mio collega Mario, che conoscevo dai miei studi, mi ha chiesto se volevo avviare una start-up insieme a lui. Ho iniziato un periodo di prova di tre mesi durante il quale la collaborazione ha funzionato a meraviglia e alla fine abbiamo deciso di fondare un’azienda nostra. Produciamo membrane sostenibili per l’abbigliamento funzionale.

Le mie mansioni sono varie, ma ultimamente mi occupo dello sviluppo strategico e dell’assistenza ai clienti. Ho imparato molto negli ultimi due anni. Il mondo tessile mi era del tutto nuovo e l’ho trovato molto affascinante. È spaventoso quanto poco le persone sappiano del materiale che indossano ogni giorno sul proprio corpo.

Faccio spesso visita ai produttori svizzeri e ai fornitori di materie prime, i tecnici che vi lavorano sono in gran parte di una generazione diversa dalla mia e non sono abituati a vedere una donna occupare una posizione di rilievo. All’inizio preferivano parlare con Mario, non sapevano come relazionarsi con me. Durante le conversazioni dovevo impegnarmi sempre attivamente e dimostrare prima di tutto il mio valore. I giovani, invece, vogliono che io mostri subito quello che so fare, hanno studiato con le donne e si aspettano molto.

All’inizio sono rimasta scottata dall’atteggiamento di alcune persone, ma ho imparato a dare il giusto peso a ciò che sento e a non prendere tutto per oro colato. Tendo ad apparire come una persona molto gentile ed educata, e questo potrebbe essere interpretato come un segno di debolezza. Anche mia zia gestisce un’azienda e a lei chiedo spesso consiglio.

Non mi piace l’immagine della donna di potere, che è forte e aggressiva e non può mostrare alcuna debolezza. Come donna, si può avere successo anche dicendo le cose in modo diplomatico e quindi trovando più velocemente delle buone soluzioni.

Ultima modifica 19.08.2020

Inizio pagina

https://www.innosuisse.ch/content/inno/it/home/resultateundwirkung/donne-e-innovazione/testimonianze/anna-beltzung.html